Cento domande e cento risposte intorno al Sinodo

Recentemente era circolata la notizia della raccolta di firme dal mondo intero (i comunicati parlavano di 215.000) in calce a una Supplica Filiale rivolta al Santo Padre in vista del prossimo Sinodo ordinario sulla famiglia. Questa mattina a Roma la stessa associazione Supplica Filiale ha presentato un volumetto dal titolo interessante: “Opzione preferenziale per la Famiglia – Cento domande e cento risposte intorno al Sinodo” (Edizioni Supplica Filiale).

“Le domande – ha detto il prof. Tommaso Scandroglio, portavoce dell’Associazione – riproducono le obiezioni più diffuse in merito a tematiche quali la sessualità, l’indissolubilità del vincolo matrimoniale, il divorzio, l’omosessualità, la dichiarazione canonica di nullità del matrimonio, la comunione ai divorziati risposati, la misericordia, la pastorale e molte altre. Le risposte, di contro, rimandano all’immutata dottrina della Chiesa cattolica su queste materie”

Gli autori del libro sono Mons. Aldo di Cillo Pagotto, SSS (arcivescovo di Paraíba, Brasile), Mons. Robert F. Vasa (vescovo di Santa Rosa, California) e Mons. Athanasius Schneider (vescovo ausiliare di Astana, Kazakhstan). Il testo si apre con una prefazione del Cardinale Jorge A. Medina Estévez, Prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino.

I sottoscrittori della Supplica, fra i cui firmatari si contano anche 4 cardinali, ventidue arcivescovi e vescovi, si dicono “sicuri” che la parola del Papa “non potrà mai dissociare la pratica pastorale dall’insegnamento lasciato in eredità da Gesù Cristo e dai suoi vicari, perché ciò renderebbe più grave la confusione.”

Con questo libro gli organizzatori dicono di lanciare una sfida “eminentemente di carattere pastorale”, perchè in questa pubblicazione è possibile trovare “alcuni motivi di ordine razionale per difendere la famiglia da quegli attacchi che una certa cultura nichilista e relativista sta sferrando con sempre maggior frequenza”.