Sinodo, anche i preti USA chiedono di rimanere saldi nella dottrina

“In unione con i nostri fratelli sacerdoti in Inghilterra e Galles, facciamo nostra la petizione che hanno firmato sollecitando i Padri sinodali di rimanere saldi sulla comprensione tradizionale della Chiesa sul matrimonio, la sessualità umana e le pratiche pastorali”

Comincia così il breve documento che alcuni sacerdoti degli Stati Uniti stanno facendo circolare affinchè i propri confratelli possano firmarlo “così che la confusione possa essere rimossa”.

Al momento le sottoscrizioni sono già oltre 500, e per l’occasione è stato predisposto un sito web. Di seguito riportiamo alcuni passaggi del documento dei sacerdoti degli Stati Uniti:

“Dopo il Sinodo straordinario dei Vescovi a Roma dell’ottobre 2014 molta confusione è sorta per quanto riguarda la dottrina morale cattolica. In questa situazione vogliamo, come sacerdoti cattolici, ri-affermare la nostra fedeltà incrollabile alle dottrine tradizionali concernenti il matrimonio e il vero significato della sessualità umana, fondata sulla Parola di Dio e insegnata dal Magistero della Chiesa per due millenni. (…) Inoltre affermiamo l’importanza di mantenere la disciplina tradizionale della Chiesa per quanto riguarda la ricezione dei sacramenti, e la millenaria convinzione che la dottrina e la prassi rimangono saldamente e inseparabilmente in armonia. Invitiamo tutti coloro che parteciperanno al secondo Sinodo di ottobre 2015 per fare un annuncio chiaro e fermo dell’insegnamento morale immutabile della Chiesa, in modo che la confusione possa essere rimossa, e la fede confermata.”